Post

Visualizzazione dei post da Dicembre, 2017

Bullismo: cos’è realmente?

Immagine
Bullismo, una parola estremamente attuale, ormai sulla bocca di tutti, che sempre più sentiamo pronunciare. Ma sappiamo realmente cosa sia? Ci risulta sempre facile distinguere semplici scherzi da atti di questo tipo?
Per chiarirci le idee al riguardo, abbiamo fatto alcune domande ad una esperta in materia, la dottoressa Monica Sciamè. ·“Buongiorno dottoressa. Innanzitutto, che cosa si considera bullismo? Potrebbe fornircene una definizione?” “Il bullismo è il ripetersi di comportamenti diretti o indiretti finalizzati a prevaricare un soggetto con l'intenzione di nuocere attraverso l'uso della forza fisica o della prevaricazione psicologica.”
·“Spesso, quando si parla di bullismo, si tende a focalizzare l’attenzione sulla vittima. Ma cosa spinge un bullo ad essere tale?” “Il bullo è un soggetto che utilizza un modello di reazione aggressiva associato a facile irritabilità, impulsività e difficoltà a tollerare la frustrazione; è manipolativo e ha un forte bisogno di dominare l'…

Scampare a una truffa on-line: ecco come fare

Immagine
Al giorno d’oggi gli acquisti su internet sono sempre più frequenti: Amazon, E-bay e altri siti web similari sono ormai parte integrante del nostro shopping. Allo stesso modo sono però frequenti anche le truffe: vi presento ora la storia di come ho evitato di subirne una. Era il giorno 3 novembre 2017 quando alle ore 18.35 mi è arrivato un messaggio nel quale un amico mi informava di una super-offerta per l’acquisto di una console Nintendo Switch. Cliccato il link allegato mi sono ritrovata nella pagina principale di uno ‘store’ che, in occasione di un particolare Black Friday, scontava di oltre il 60% videogiochi che a prezzo di mercato superavano i 300€. Vista l’offerta incredibile, mi sono precipitata da mio padre per convincerlo a comprarmi la console e, ottenuto il suo consenso, abbiamo iniziato le procedure per l’acquisto on-line. Compilando i dati per ricevere il pacco ci siamo accorti che il sito permetteva esclusivamente il pagamento con la carta di credito, anche se noi avevamo…

Scuola e cellulari

Immagine
Vietare l'uso dei cellulari a scuola è forse la soluzione più facile per risolvere il problema del loro uso indiscriminato nelle aule, ma non certo la più efficace. Sicuramente, molti di noi soffrono di assuefazione ai dispositivi elettronici, tanto che l'impossibilità di utilizzarli nelle classi durante le ore di lezione ci rende insofferenti. Effettivamente, se ne siamo assuefatti, e nella società contemporanea non possiamo più farne a meno, si presenta la necessità che a scuola ci vengano indicati i pericoli e insegnati i corretti modi d'uso dei cellulari e di internet. Vietare il telefonino in classe? No, anzi dovremmo essere
avviati ad utilizzarlo in maniera educativa, così da impiegarlo allo stesso modo   dell'ebook e dei video interattivi, con applicazioni utili alla didattica oltre che sicure. Questa è la scuola del futuro? Ma no, può essere anche quella presente, che non abbandona il cartaceo, sempre utile, specie nei momenti di necessità, ma che insegni ad af…

España o Catalunya: sempre uniti da giallo e rosso.

Immagine
Nota a tutti è la situazione politica che sta vivendo la Spagna in questi ultimi mesi. Violenza, scioperi, occupazione, proteste sono ormai all’ordine del giorno a Barcellona, capoluogo della comunità autonoma della Catalogna e prima città spagnola per arte, vivi colori e accoglienza, che, però, negli ultimi giorni è diventata anche sede della protesta sollevata dagli indipendentisti catalani. Questi ultimi, che custodiscono preziosamente una cultura e una lingua propria, sono in forte contrapposizione al governo e allo Stato Spagnolo e ciò accresce giorno per giorno la frattura creatasi tra Madrid e Barcellona, tra popolo spagnolo e popolo catalano. Questo distacco si basa su opinioni, concezioni e idee diverse che portano instabilità politica e sociale, la quale si riflette sui cittadini stessi. Riportiamo, di seguito, il pensiero di alcuni di essi.  Secondo il parere ed il giudizio delle tre professoresse di lingua spagnola del nostro Liceo Linguistico, questa indipendenza risulter…

Sognatori con i piedi per terra

Immagine
“Tutti gli uomini sono uguali”. Questo è il concetto di autorevoli testi legislativi, che, però, non sono rispettati sempre e dappertutto. Razzismo, omofobia, guerra, rappresentano alcune situazioni in cui la base dell’uguaglianza e la parità dei diritti tra gli uomini vengono violati.  Il tragitto della battaglia per i diritti umani s’interseca nella storia tracciando un profondo ritratto di ciò che siamo: un’umanità divisa da giochi di potere. Ma è proprio a causa di queste divisioni, nell’eterno alternarsi tra bene e male, che l’uomo trova il coraggio di dissentire, ribellarsi, allearsi, riorganizzarsi ed ergersi contro gli oppressori, dando un nuovo volto agli eventi.  I conflitti, l’ingiustizia e le disuguaglianze sono e sono state il movente di straordinarie azioni da parte di uomini comuni, capaci di ribaltare le sorti, diventando piccoli grandi eroi.  Per quanto sia diversa la visione del mondo di ciascuno di noi, desideriamo più di ogni cosa migliorarci. La battaglia per i di…

Intervista ad Angelo Marenzana

Immagine
Ho avuto occasione di conoscere lo scrittore Angelo Marenzana tramite il concorso letterario “Ciò che la nebbia nasconde” nel quale faceva parte della giuria.  L’ho contattato per un’intervista nel contesto della presentazione a Librinpista del suo romanzo “Alle spalle del cielo”. Vuole parlarci del suo ultimo libro? “Alle spalle del cielo” è un’immagine di qualcosa che si nasconde. Sono i bombardieri che per la prima volta il 30 aprile 1944, domenica dell'Ascensione, a mezzogiorno, hanno colpito Alessandria. Credo che sia stato uno dei momenti della storia più tragici per la città, insieme all’assedio del Barbarossa e alla peste. Quindi, da scrittore di gialli, ho pensato che per raccontare questo contesto, l’emozione e la paura fosse necessaria una trama che facesse da collante. La struttura non è complessa: un morto, un secondo morto, un’indagine, una falsa pista e la soluzione. L’obiettivo primo era ricostruire i sentimenti delle persone che vivevano tutto questo. La storia di…

Il VANGELO secondo FABER

Immagine
“Quanti sono gli evangelisti?”- chiese una volta un cardinale al sacerdote genovese Don Andrea Gallo- “Quattro: Matteo, Marco, Luca, Giovanni. Però Eminenza io ho un quinto vangelo, un vangelo che respira nelle strade, che pone gli ultimi al primo posto, un vangelo pacifista, antifascista e a tratti anarchico, un vangelo che insegna a vivere, e questo è il vangelo secondo De Andrè”- rispose don Gallo. Fabrizio de Andrè, cantautore (o poeta) italiano di massimo rilievo scomparso quasi 19 anni fa, ha lasciato un'importante eredità attraverso le sue canzoni (o poesie). Egli, anarchico dichiarato, cantò per oltre 40 anni le prostitute, i tossici, i condannati a morte, e tutti coloro che rifiutano l'omologazione e le etichette. Ci ha insegnato a non disdegnare gli emarginati e i diversi, perché “dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fior”. Inoltre propose una sua versione del Vangelo, in cui gli ultimi sono i primi e in cui Dio è raccontato come uomo. Il disco che ver…

E -Sport alle Olimpiadi: quando il gioco si fa serio

Immagine
I videogiochi possono essere considerati sport?
E’questa la domanda che in molti si stanno ponendo dopo la dichiarazione del Comitato Olimpico Internazionale successiva all’incontro di Losanna del 28 ottobre: “Gli e-sport competitivi possono essere considerati una disciplina sportiva e i giocatori coinvolti si allenano con una intensità paragonabile a quella degli atleti delle discipline tradizionali”
Quello degli E-Sport è un fenomeno in crescita soprattutto nell’Europa dell’Est e nei paesi orientali, in particolare tra i giovani. Si tratta di competizioni diverse da quelle classiche, alle quali noi tutti siamo abituati, ma che mostrano più di un punto in comune con esse: sono infatti tornei di videogiochi in cui i giocatori si sfidano tra loro, spesso anche in squadre, per portare a casa titoli e ricchi premi in denaro.
Gli atleti in questione sono veri e propri professionisti che devono allenarsi duramente e studiare a fondo le regole, i trucchi e le strategie del videogioco da lor…

Le canzoni sono le poesie dei nostri tempi

Immagine
Per noi giovani è normale, passare le giornate con una cuffietta nell’orecchio ascoltando musica. Ognuno di noi ha il proprio genere preferito, il proprio cantante, ma a tutti piace avere una colonna sonora personale. Tuttavia spesso, a causa del ritmo veloce o della melodia coinvolgente, però, il testo passa in secondo piano, soprattutto quando si tratta di canzoni straniere. Vogliamo proporne quattro che per la profondità e bellezza dei testi qui meriterebbero di essere lette senza musica, come delle poesie.

Chained to the rhythm, Katy Perry ft. Skip Marley - Un ritmo incalzante, allegro e positive, che fa venire voglia di ballare e di divertirsi: cosa c’è di meglio per criticare la società contemporanea? È questo infatti il proposito della cantante statunitense, quando, senza mezzi termini, descrive la nostra “monotona quotidianità”, per farci capire come siamo chiusi in una bolla fuori dal mondo, ma non cerchiamo di uscire perché, forse, vivere nella bolla è più facile (So comfort…

LONTANO

Vento serale:  
rami oscillano  
sotto fiamme d’oro la sagoma dell’uomo 
oscura i campi, 
ombre nascondono la terra, 
i volatili echeggiano 
tra foglie cadenti, 
un vaso di vetro infranto.   

Luca D’Onofrio

Ho cucinato

Ho cucinato pensieri speziati e lacrime piccanti
per la tua lingua asciutta in queste sere d’estate
dovrai bere, mia cara, acqua frizzante mista a ricordi gassati
tossire un po’ per l’innocenza andata di traverso
riconoscere il profumo
d’ogni portata
prima ancora che io te la serva in tavola.
Accavalla le gambe e togli
il tovagliolo dalle tue ginocchia
(alte ginocchia, scure alte ginocchia).
Assaggia
con una forchetta argentata
i sorrisi che ho messo in questa cena per te
arriccia il naso se qualcosa non ti piace
ma non dirmelo mai.
L’amore che bolle, adesso sul fuoco
è un gioco di sale e minuti contati
non sono uno chef e mai lo sono stato
Ma m’impegnerò bambina
T’imboccherò di parole dolci
Un po’ di zucchero e miele
 in queste sere d’estate

    Marta Gennaro

Cinque curiosità che (probabilmente) non sai su Alessandria

Immagine
Il campanile del duomo di Alessandria (106 m) è il terzo più alto d’Italia. Il primo posto è occupato da quello del duomo di Mortegliano (Udine), che misura 113.20 m;  mentre il secondo è occupato dal campanile della cattedrale di Cremona, con i suoi 111.12 metri di altezza. La Cittadella di Alessandria è l'unica fortezza europea ancora oggi inserita nel suo contesto ambientale originario: non esiste uno schermo di case che chiude la visuale dei bastioni, o una strada ad alta percorrenza a circondare i fossati. La storia del ponte della Cittadella è assai più antica di quanto molti possano pensare.
Il primo ponte, infatti, era in legno, e fu costruito prima della fondazione della città. Il secondo ponte, edificato nel 1455, era in pietra, e presentava una copertura. Il terzo ponte, la cui costruzione risale al 1891, era in mattoni pieni e pietra, ed è stato abbattuto solo nel 2009. Il quarto ponte, infine, è l’attuale ponte Meier, inaugurato nell’ottobre 2016. 

All’interno della cit…

Gioielli alessandrini a Las Vegas

Immagine
A Las Vegas, dal 2 al 6 giugno scorsi, nella prestigiosa cornice di ‘Couture’, la più esclusiva fiera al mondo dedicata al mercato di orologi e gioielli di lusso, è stato un gioielliere alessandrino a far parlare di sé, grazie ai suoi spettacolari orecchini. Si tratta di Giovanni Ferraris, proprietario della gioielleria ‘Giovanni Ferraris Gioielli’ di San Salvatore, impegnata dal 1985 nell’esportazione dei propri prodotti nei Paesi Arabi, in Cina, Giappone, Kazakistan, Georgia e Russia.  I suoi orecchini, ideati dalla moglie Katia Olivucci, sono interamente realizzati a mano, e la loro particolare composizione (titanio e diamanti) ha così stupito i giudici della fiera da ricevere il premio ‘Editor’s choice’ dal direttore della rinomata rivista di design ‘Town & country’, tra le più in evidenza in America. Ma perché proprio in titanio? «Ogni orecchini pesa 2.5g l’uno; se fossero stati realizzati in oro, sarebbero pesati troppo, e sarebbe stato impossibile poterli usare» spiega Kati…

Il Saluzzo-Plana

Due storie, due nomi, un solo istituto.

L'istituto “Saluzzo-Plana” comprende cinque indirizzi, infatti la sede di via Faà di Bruno ospita il liceo linguistico (istituito nell'anno scolastico 1989/1990), quello delle scienze umane (dall'anno scolastico 1993/1994) e quello economico sociale (dall'anno scolastico 1999/2000), mentre il liceo classico e il liceo musicale (dall'anno scolastico 2014/2015) si trovano nella sede di Piazza Matteotti. Il liceo Plana, intitolato al matematico Giovanni Plana, venne fondato nel 1859 come effetto della legge Casati, che prevedeva l'istituzione di un Ginnasio in Alessandria a spese dello stato ed ebbe la sua prima sede in via Plana. Nel 1929 l'istituto “migrò” in quella che oggi si chiama piazza Matteotti, sistemazione che ha mantenuto. Qui si formò il linguista, scrittore e semiotico Umberto Eco. Il liceo Saluzzo nacque nel 1867 come istituto magistrale e
prese il nome dalla poetessa Diodata Roero Saluzzo. Una parte dell&…

Storia della colonna infame

Immagine
Mercoledì 4 ottobre 2017 nell’aula magna del Liceo Classico “G. Plana” di Alessandria, il prof. Gianluigi Ferraris, già illustre docente di Italiano e Latino dell’omonimo istituto scolastico, nonché Presidente della Società alessandrina di Italianistica, ha tenuto una conferenza sul celebre saggio storico “Storia della colonna infame” di Alessandro Manzoni a cui hanno partecipato gli studenti delle classi II A, II B e V A del Liceo Classico, unitamente alle docenti Prof. Fiorella Bruno, Prof. Paola Lucarno, Prof. Paola Massucco.  Dopo un breve excursus sulla figura del Manzoni e sulle sue opere letterarie più celebri, il Prof. Ferraris si è soffermato sul saggio storico “Storia della colonna infame”. Tale opera, scritta da Alessandro Manzoni contemporaneamente alla redazione del romanzo i “Promessi Sposi” e pub
blicata in appendice alla seconda edizione, ricostruisce minuziosamente uno dei più celebri e scandalosi processi agli untori realmente celebrato durante la Peste di Milano del…

Premio di filosofia E. Garuzzo a.s. 2017/2018

Anche quest’anno ha preso il via il concorso di filosofia “E. Garuzzo” proposto dall’Istituto SaluzzoPlana di Alessandria, in collaborazione con il Centro Ricerche e Divulgazione socioculturale. Questo premio ha la finalità di mantenere viva la memoria dell’omonimo Professore e Preside che ha lavorato con passione nel campo della filosofia    e risponde alla volontà di diffondere ed incrementare la conoscenza delle discipline filosofiche e delle scienze umane all’interno delle scuole superiori di secondo grado.  Per l’anno 2017 -2018 il tema avrà come orizzonte generale “La nozione di inconscio nel pensiero moderno e contemporaneo”.  L’iniziativa è aperta a tutti gli studenti degli istituti superiori della Regione Piemonte. Tutte le informazioni sono reperibili sul sito http://www.saluzzo - plana.gov.it